Madake: il re del bambù

Bambù Madake

La scelta del phyllostachys bambusoides è avvenuta a seguito di assidue e persistenti ricerche, che ci hanno portato a scoprire alcuni particolari, secondo noi, di vitale importanza.

ADAKE2

Il PHYLLOSTACHYS BAMBUSOIDES MADAKE in Giapponese, è il bambù da legno più coltivato in Giappone e rappresenta un importante simbolo per la loro cultura.
Il nome MADAKE in Giapponese significa: MA= COMUNE DAKE= BAMBOO quindi Bamboo Comune.


E’ ampiamente coltivato anche negli Stati Uniti e in Australia, dove viene impiegato per scopi industriali ed ornamentali.

La nostra scelta è legata in primis alla durezza di questo legno, ineguagliabile da nessun altra specie a parità di diametro ed età del culmo. Ciò che lo rende così duro è l’enorme quantità di carbonio e silicio che riesce ad assorbire, trasformandosi così nel legno ideale per architettura ed artigianato sostenibile, decisamente competitivo quindi rispetto al legno dei normali alberi (20/40 anni per il taglio), invece con il bambù ogni anno i culmi si rigenerano e sono pronti al nuovo taglio.

Resistenza meccanica alla compressione: 780 kg/cmq
Resistenza meccanica alla trazione: 2480 kg/cmq

Il madake, rispetto ad altre specie di bambu, sviluppa culmi dritti (a cercare il sole) e di diametro uguale per tutta la sua lunghezza, di colore verde lucido. Presenta pareti di spessore superiore alla media delle altre specie. Nella fase matura della pianta i rami si sviluppano solo sulla parte superiore del culmo, avendo così a disposizione più di due terzi di culmo totalmente privi di vegetazione.
MADAKE1
Il madake presenta enormi potenzialità anche per la riqualificazione ambientale e la forestazione intensiva, nel rispetto della normativa di Kyoto (abbattere le emissioni di CO2), in quanto è un grande fissatore di azoto, trasformandolo in biomassa, più di ogni altro albero e bambù.

madake3

Il culmo ha una vita media di circa 20/25 anni, ciò significa più del doppio degli altri phyllostachys infatti i culmi di altre specie hanno una vita che varia dai 5 ai 10 anni. E’ così che viene classificato come il materiale da costruzione più apprezzato ed usato.

Il madake si distingue da tutti gli altri bambù per il ciclo di fioritura, infatti questa specie presenta l’intervallo più lungo, circa 130 anni. L’ultima fioritura di massa risale al 1970, ciò significa che se la natura lascia il suo ciclo invariato, la prossima fioritura ci sarà nel 2100.

Il Madake viene inoltre utilizzato per la realizzazione dei famosissimi flauti Giapponesi SHAKUHACHI, costruiti rigorosamente a mano. E’ molto ricercato anche per la produzione di archi e frecce artigianali fatti sempre a mano e per la realizzazione di eccezionali canne da pesca.