Guadagni e business del bambù gigante Madake.

I larghi utilizzi del bambù consentono di sfruttarlo pienamente, senza residui, dal punto di vista commerciale. Dal punto di vista della resa un ettaro di bambù equivale ad almeno 20 ettari di boschi tradizionali.

Leggi

Impieghi del bambù gigante Madake

Cavo e leggero, il bambù ha straordinarie proprietà meccaniche: la resistenza a tensione delle sue fibre può toccare i 12.000 kg/cmq, quasi due volte quella dell’acciaio, supera addirittura il calcestruzzo nella resistenza a compressione.

Scrivici

BAMBÙ GIGANTE MADAKE MADE IN ITALY

Come realizzare l’impianto

Preparazione del terreno

Aratura: Effettuare un aratura profonda 40/50 cm. 

Erpicatura con erpice rotante (in alternativa fresatura)

Messa a dimora delle piante: Realizzare le buche 40x40x40 in modo da ospitare le zolle di terra dei mastelli diametro 40 cm. in cui si trovano le piante madri BambuTigre. 

Gestione dell’impianto

L’irrigazione rappresenta uno dei fattori che influenza in modo determinante la velocità di sviluppo di un bambuseto e influisce nel diametro dei nuovi germogli.

Pacciamatura è uno strato di materiale organico che ricopre il terreno intorno la pianta, la cui presenza garantisce importanti effetti positivi. 

Una risorsa sostenibile che ha futuro!

Il bambù può diventare la risorsa più sostenibile al mondo:

Grazie alla sua velocità di crescita e di maturazione.

La foresta di bambù è pronta per i primi tagli dopo soli 6-8 anni.

Con il continuo rigenerarsi naturale,  l’ampia rete di rizomi produce ogni anno nuovi bambù.

Utilizza molto la luce del sole e converte le sostanze nocive dell’atmosfera per poi nutrirsene.

Non necessita di trattamenti pesticidi per crescere.

La sua crescita non prevede l’utilizzo di macchine agricole, eccetto la prima volta, per la lavorazione del terreno.